Cosa fare se il conduttore lascia l’appartamento ma non cambia residenza?

Condividi questo articolo

Partiamo dal fatto che, in prima battuta, sarebbe opportuno cercare di sollecitare bonariamente il conduttore che, magari presa da altro, ha tralasciato questo non secondario aspetto delle dichiarazioni da rendersi alle pubbliche autorità.

Entriamo nel dettaglio esaminando le norme che regolano la fissazione della residenza e di conseguenza gli obblighi nel caso di questa variazione anagrafica.

L’art. 2, primo comma, legge n. 1228/1954 recita:

È fatto obbligo ad ognuno di chiedere per sé e per le persone sulle quali esercita la patria potestà o la tutela, la iscrizione nell’anagrafe del Comune di dimora abituale e di dichiarare alla stessa i fatti determinanti mutazione di posizioni anagrafiche, a norma del regolamento, fermo restando, agli effetti dell’art. 44 del Codice civile, l’obbligo di denuncia del trasferimento anche all’anagrafe del Comune di precedente residenza.

La norma in questo caso è molto chiara: ognuno di noi è tenuto a dichiarare all’anagrafe (all’ufficio di anagrafe) del comune di dimora abituale la propria residenza, nonché le variazioni ad essa relative.

La legge specifica altresì che il Sindaco è l’ufficiale d’anagrafe del comune che rappresenta e che le funzioni riguardanti tali qualifica possono essere delegate a personale idoneo dell’ente.

Le funzioni connesse alla carica non sono quelle di mero tenutario e conservatore dei registri, ma hanno anche relazione con il suo aggiornamento.

Tanto si desume dalla lettura del primo comma dell’art. 5 l. n. 1228/54 che recita: “l’ufficiale d’anagrafe che sia venuto a conoscenza di fatti che comportino la istituzione o la mutazione di posizioni anagrafiche, per i quali non siano state rese le prescritte dichiarazioni, deve invitare gli interessati a renderle”.

Quanto alla dizione “che sia venuto a conoscenza di fatti…” deve ritenersi che ciò possa avvenire:

  1. a) in ragione di adempimenti del proprio ufficio che abbiano portato a tale scoperta;
  2. b) in ragione di segnalazioni giuntegli.

In queste ipotesi l’ufficiale di anagrafe è tenuto ad aprire un procedimento che abbia come risultato la cancellazione o conferma della residenza dal luogo in cui era fissata.

Come recita il secondo comma dell’art. 5 succitato: “in caso di mancata dichiarazione, l’ufficiale di anagrafe provvede di ufficio, notificando all’interessato il provvedimento stesso. Contro il provvedimento d’ufficio è ammesso ricorso al prefetto”.

In conclusione  possiamo quindi consigliare innanzitutto di risolvere la questione bonariamente, se questa soluzione non dovesse andare a buon fine, consigliamo di rivolgersi all’ufficio anagrafe del comune per segnalare il fatto.