Part-time: il datore non può vietare un secondo lavoro.

Condividi questo articolo

In ipotesi di lavoro part-time, il datore di lavoro non può vietare tout-court al lavoratore di svolgere un’altra attività, compatibile con l’orario di lavoro. L’incompatibilità deve essere concretamente verificata; tale controllo può essere effettuato anche in sede giudiziale.

E’ quanto chiarito dalla Cassazione Civile, sez. lavoro con la sentenza n. 13196/17 del 25/05/2017

Gli “ermellini” hanno infatti accolto il ricorso del dipendente part-time di un patronato, licenziato per giusta causa per aver un secondo lavoro.

Il giudice di appello aveva confermato la validità del recesso del datore di lavoro, ritenendo che l’attività lavorativa, svolta dal dipendente part-time era incompatibile, secondo le clausole del regolamento contrattuale, con qualunque altro impiego sia pubblico che privato.

Irrilevante, secondo la Corte distrettuale, era il fatto che la seconda attività era prestata fuori dall’orario di lavoro e compatibilmente con lo stesso.

In sede di legittimità però, i Giudici del Supremo Collegio, ribaltano completamente la suddetta decisione in favore del ricorrente che, a fondamento dell’impugnazione proposta, evidenzia che il datore di lavoro non ha specificato in cosa consisteva l’incompatibilità tra i due lavori, atteso che al dipendente non era stata mossa l’accusa di sviamento della clientela, né di attività concorrenziale.

L’ente patronato, infatti, nel proprio regolamento, si era limitato a prevedere una incompatibilità assoluta tra la qualità di dipendente e lo svolgimento di “qualunque altro impiego sia pubblico che privato”.

Al riguardo, i Giudici della sezione lavoro chiariscono che è nulla una previsione regolamentare che riconosce al datore di lavoro un potere incondizionato di incidere unilateralmente sul diritto del lavoratore in regime di part-time di svolgere un’altra attività lavorativa. Di conseguenza, l’unica interpretazione che rende legittima la previsione regolamentare è quella che esige, anche per l’esercizio di un’attività lavorativa al di fuori dell’orario di lavoro, al pari delle altre occupazioni o attività, una verifica di incompatibilità in concreto tra l’esercizio della diversa attività e l’osservanza dei doveri d’ufficio o la conciliabilità con il decoro dell’ente.

Inoltre, proseguono gli ermellini, ammettere che il datore di lavoro abbia una facoltà incondizionata di negare l’autorizzazione o di sanzionare in sede disciplinare il fatto in sé, dell’esercizio di un’altra attività lavorativa al di fuori dell’orario di lavoro, sarebbe in contrasto con il principio del controllo giudiziale di tutti i poteri che il contratto di lavoro attribuisce al datore di lavoro, e proprio con riferimento ad aspetti incidenti sul diritto al lavoro.

L’incompatibilità, dunque, deve essere verificata caso per caso, restando tale valutazione suscettibile di controllo, anche giudiziale, secondo i parametri di cui agli artt. 2106 e 2119 c.c.

Alla luce delle considerazioni sopraesposte, la Corte accoglieva il ricorso del dipendente e cassava con rinvio per un nuovo esame la sentenza.