Il pignoramento del TFR

Presupposti, limiti e divieti del pignoramento presso terzi avente ad oggetto il trattamento di fine rapporto

Le somme percepite a titolo di trattamento di fine rapporto possono essere sottoposte a pignoramento nei limiti imposti dall’art. 545 c.p.c. e dall’art. 2 d.p.r. n. 180/50, ossia nella misura autorizzata dal presidente del Tribunale o da un Giudice da questi delegato in caso di crediti di natura alimentare, e nella misura di un quinto per crediti di altra natura e, in particolare, per tributi dovuti a Stato, province e comuni, mentre in caso di concorso simultaneo di cause (crediti alimentari e crediti di altra natura) la procedura può estendersi fino alla metà della buonuscita.

Lo stalking condominiale

Come difendersi dai vicini molesti

Come ben noto, l’articolo 612 bis del Codice Penale definisce il reato di atti persecutori (il cosiddetto “stalking”) quale condotta reiterata di chi minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita.