Garanzia di 10 anni del costruttore per vizi dell’immobile.

Quando si acquista casa nuova o si fanno delle ristrutturazioni, il costruttore o l’appaltatore che ha eseguito i lavori è responsabile per 10 anni dall’ultimazione delle opere di tutti i difetti gravi che derivano dalla sua attività. A prevederlo è il codice civile che limita tale forma di “assicurazione” ai vizi più importanti come quelli del suolo o quelli che implicano la rovina (totale o parziale) dell’edificio. Perché si attivi questa responsabilità però è necessario inviare una diffida all’appaltatore, con la denuncia del difetto, entro massimo un anno dalla sua scoperta  ed si dovrà agire in tribunale entro l’anno successivo.  

Per i vizi meno gravi, ci sono termini più ristretti: non è prevista la garanzia decennale ed il vizio va denunciato  entro 60 giorni dalla sua scoperta. La causa va fatta entro i due anni successivi.

Il costruttore è responsabile, per 10 anni dall’ultimazione dei lavori, per eventuali gravi difetti della costruzione.

Questi diritti nei confronti del costruttore potranno essere fatti valere non solo da colui che ha acquistato la casa nuova, ma anche dalle successive persone cui la casa è stata eventualmente venduta, sempre che naturalmente non siano trascorsi più di 10 anni dall’ultimazione dei lavori.