È lecita la videocamera che inquadra il parcheggio condominiale?

L’uso di telecamere per inquadrare il pianerottolo o la proprietà privata, è consentito solo quando l’obiettivo non va a riprendere spazi comuni dell’edificio o del cortile.

A queste condizioni non è necessario chiedere l’autorizzazione all’assemblea. Il Garante della Privacy infatti  ha chiarito che, per non rischiare di incorrere nel reato di interferenze illecite nella vita privata e nella violazione dell’altrui privacy, è necessario che il sistema di video-sorveglianza sia installato in maniera tale che l’obiettivo della telecamera filmi solo lo spazio privato e non tutto il pianerottolo o la strada, oppure solo il proprio posto auto e non tutto il garage o tutto il parcheggio condominiale.

Quindi la videocamera che inquadra il parcheggio condominiale è lecita a condizione che, nelle riprese, non finiscano gli altri condomini o le loro auto.

Posso parcheggiare l’auto nel cortile del condominio?

Il condòmino non può parcheggiare la propria auto nel cortile condominiale impedendo agli altri la possibilità di godere dello spazio in modo pari, anche se non c’è un divieto espresso nel regolamento.

Chi vuol usare il cortile del condominio per parcheggiare la propria auto lo può fare liberamente, ma solo se lo spazio non è destinato ad altri usi e sempre che non impedisca agli altri condomini di fare altrettanto. È quanto ribadito dalla Cassazione con la recente sentenza n. 27043/16 del 27.12.2016.