Lavori di manutenzione, che fare se il condominio non decide?

Se l’assemblea e l’amministrazione non decidono in merito a spese di ordinaria o straordinaria manutenzione, il singolo condomino può anticiparle, ma il rimborso gli spetta solo se i lavori sono urgenti.

Il singolo condomino può sostituirsi al condominio, eseguendo autonomamente i lavori di manutenzione, ma non ha la possibilità di chiederne poi il rimborso. Il suo intervento a difesa dell’interesse comune non si può certamente considerare illecito, ma solo se la spesa è urgente e indifferibile egli può poi rivalersi sulle casse del condominio. Altrimenti l’esborso resta integralmente a suo carico. Questo è quanto affermato dalla Cassazione con la sent. n. 9177/17 del 10.04.2017.